Alla Bocconi inaugura la prima cattedra di Machine Learning

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteIl GDPR danneggia il programmatic
  • SuccessivoApp: sviluppando per Play Store si guadagna di meno

E' stata inaugurata la Vodafone Chair in Machine Learning and Data Science, cattedra triennale dell'Università Bocconi direttamente finanziata dall'operatore telefonico Vodafone. Alla cattedra faranno riferimento corsi sullo studio e l'applicazione delle teorie e degli algoritmi più avanzati in materia, sia per la ricerca che per la formazione.

La titolarità della cattedra è stata assegnata al Professor Riccardo Zecchina, fisico teorico attualmente ordinario del Dipartimento di scienze delle decisioni della Bocconi. Nel 2016 Zecchina ha ricevuto il Lars-Onsager Prize dall'American Physical Society per i suoi contributi teorici allo sviluppo di algoritmi innovativi per la soluzione di problemi di ottimizzazione.

Continua dopo la pubblicità...

Il docente ha svolto diverse attività di ricerca dedicate alla teoria dell'informazione, alla fisica statistica e alla biologia computazionale, tutti approfondimenti accademici il cui obbiettivo è quello di fornire una base teorica da utilizzare per la progettazione di algoritmi dedicati all'apprendimento automatico.

Non è un caso che tale inziativa sia nata in seguito ad una collaborazione tra la Vodafone e la nota università commerciale milanese, tra le due realtà esiste infatti una partnership ormai di lunga data e la Vodafone è una delle aziende che assume più laureati provenienti dalla Bocconi all'interno del proprio organico.

Vodafone sta inoltre portando avanti da tempo dei progetti dedicati alla diffusione delle competenze digitali, a tal proposito è possibile citare il programma chiamato "Future Jobs Finder" il cui obbiettivo è quello di coinvolgere 10 milioni di giovani presentando loro le opportunità di lavoro offerte dai settori più innovativi.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.