Chrome: nuove specifiche per gli sviluppatori

Chrome: nuove specifiche per gli sviluppatori

I responsabili di Google Chrome hanno deciso di aggiornare le policy dedicate agli sviluppatori di terze parti che creano e aggiornano estensioni per il browser Web dell'azienda californiana. Si tratta di specifiche dedicate in particolare alla sicurezza che sono frutto dell'esperienza maturata attraverso l'uso di Project Strobe, il tool basato sull'AI che Big G sfrutta per l'individuazione di vulnerabilità.

Le novità più interessanti riguardano i privilegi di accesso ai dati degli utenti da parte degli add-on, questi saranno molto più limitati rispetto al passato in quanto potranno esistere soltanto se necessari per il funzionamento dell'estensione. Per fare un esempio, un progetto che consente di ascoltare contenuti audio molto probabilmente non avrà bisogno di accedere alle informazioni riguardanti il posizionamento.

Continua dopo la pubblicità...

Sempre per salvaguardare la privacy degli utilizzatori, verranno monitorate in modo molto più severo anche le soluzioni che gestiscono contenuti generati da questi ultimi. La natura dei dati manipolati non avrà più un'importanza fondamentale, quindi la tutela si estenderà anche oltre quelli "sensibili" o più genericamente "personali".

L'aggiornamento è stato comunicato pubblicamente nelle scorse ore ma non avrà un effetto immediato, ai developer sono stati concessi alcuni mesi di tempo per effettuare i necessari adattamenti. Ad oggi le estensioni pubblicate sul Chrome Web Store sono circa 180 mila e ovviemente ci vorrà un po' di tempo prima di ottenere la piena conformità del catalogo.

Mountain View ha voluto specificare infine che i cambiamenti previsti non riguarderanno soltanto il browser "di casa" ma anche altre piattaforme del network di Big G come Gmail e Google Drive. E' poi probabile che con l'evoluzione di Project Strobe, e la scoperta di ulteriori vulnerabilità, vengano rilasciati nuovi aggiornamenti delle policy a breve termine.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.