Una class action per Windows pre-installato

Una class action per Windows pre-installato

La ADUC (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori) ha affermato di aver depositato presso un Tribunale a Milano, e notificato alla Casa di Redmond, l'atto di citazione per una class action mirata al rimborso dei software Windows preinstallati sui Pc.

L'iniziativa riguarda coloro che acquistano un Pc dotato di uno o più software che non hanno intenzione di utilizzare; alla prima accensione del dispositivo viene infatti mostrata una schermata relativa alla licenza OEM di Windows attraverso la quale si è invitati a sottoscrivere un contratto d'uso.

Continua dopo la pubblicità...

Di norma, prima dell'accettazione dei termini del contratto, è possibile procedere alla restituzione e al conseguente rimborso dal produttore dell'hardware, un obbligo a cui però non tutti i colossi dell'informatica sembrano voler ottemperare in modo sollecito.

L'ADUC contesta il meccanismo di presentazione dei contratti all'avvio del Pc, fattore che di fatto impedirebbe ai consumatori di esercitare pienamente il proprio diritto di scelta, da qui la decisione di dar vita alla prima class action contro Microsoft della storia italiana.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.