Clusit 2015: cyber-attacchi in rapida crescita

L'Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica presenterà il rapporto Clusit 2015 nel corso del Security Summit 2015 che è stato organizzato a Milano per il 17 e 19 marzo; attualmente sarebbero però disponibili alcune anticipazioni ufficiali riguardanti il documento che descrive i mutamenti nel panorama delle cyber-sicurezza durante l'anno passato.

Dal punto di vista della quantità degli attacchi le notizie sarebbero nel complesso positive, l'ultimo rapporto Clusit riporterebbe un totale di 873 episodi di una certa gravità verificatisi nel 2014, tale numero sarebbe nettamente inferiore rispetto a quello dell'anno precedente perché l'evoluzione tecnologia porterebbe oggi a definire meno dannosi attacchi prima considerati pericolosi.

Continua dopo la pubblicità...

Diverso il discorso riguardante la natura degli attacchi, quelli operati da cyber criminali sarebbero ormai la stragrande maggioranza arrivando ad una quota parte pari al 60%, seguirebbero a grande distanza quelli riconducibili alle attività dei cyber-hacktivisti (con 27%), le azioni legate al cyber spionaggio (8%) e alla cyber War (5 punti percentuali).

Nella maggior parte dei casi ad essere attaccati sarebbero obbiettivi classici come i siti Web di news, banche e istituzioni, a questo proposito sarebbe però preoccupante l'emergere di un fenomeno che vedrebbe i sistemi informatici del settore sanitario sempre più coinvolti in azioni malevole finalizzate al cyber-crimine (una crescita del 190%).

Un altro dato poco positiivo riguarderebbe la sempre maggiore diffusione dei malware come strumento "offensivo" per la violazione delle infrastrutture telematiche e l'accesso ad informazioni riservate, nel caso specifico infatti il fenomeno avrebbe manifestato un incremento pari a circa il 122% nell'arco di appena 12 mesi.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.