Condannato a 9 mesi di carcere per una pagina Facebook

Condannato a 9 mesi di carcere per una pagina Facebook

L'ideatore della pagina Facebook denominata Cartellopoli sarebbe stato condannato a 9 mesi di carcere per dei contenuti pubblicati da altri utenti; il reato contestato all'uomo sarebbe stato quello di istigazione a delinquere e di apologia di reato.

Secondo quanto dichiarato dall'avvocato Fulvio Sarzana, uno dei maggiori esperti italiani degli aspetti legali relativi alla Rete, la sentenza spianerebbe la strada alla perseguibilità dei titolari di blog o di pagina sui social network; ciò non soltanto per la diffamazione, ma anche per critiche ritenute violente scritte da parte di terzi anonimi.

Continua dopo la pubblicità...

Sempre secondo Sarzana, la responsabilità dei gestori per i commenti postati dagli utenti non dovrebbe essere accettata quando possibile nell'ordinamento italiano, la giustizia dovrebbe invece risalire al commentatore tramite indagini informatiche previste dal codice.

Ora legale del blogger condannato, Sarzana avrebbe sottolineato che, probabilmente per la prima volta, sarebbe stata pronunciata una sentenza di condanna non soltanto per commenti "originali" da parte di terzi, ma anche per contenuti ripresi da siti Web esterni.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.