Editori in lotta contro Google

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteSnapchat supporta i pagamenti tramite mobile
  • SuccessivoApple rilascia iOS 8.1.1 e OS X 10.10.1
Editori in lotta contro Google

La FIEG (Federazione Italiana Editori Giornali), cioè l'associazione che rappresenta le case editrici e le agenzie di stampa italiane, si sarebbe schierata con l'AgCom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) attualmente impegnata in un'iniziativa finalizzata ad incrementare la quantità di tasse pagate nel nostro Paese dal colosso di Mountain View.

In sostanza la diatriba sarebbe nata attorno alla Delibera 397 emanata nel 2013 dalla stessa AgCom, quest'ultima in pratica obbliga le concessionarie di advertising su Internet e le società estere che lavorano sul mercato nazionale a mettere a disposizione il proprio bilancio; contro tale decisione Big G avrebbe presentato un ricorso per l'annullamento al Tribunale Amministrativo del Lazio.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo i componenti della FIEG, Google opererebbe soltanto teoricamente in un regime di trasparenza, ma in pratica il gruppo si starebbe rendendo protagonista di una gestione opaca del proprio business nella Penisola; ciò finirebbe per penalizzare i produttori di contenuti locali vincolati al pagamento di tutte le imposte previste.

In pratica Larry Page e soci sarebbero stati accusati di eludere sia le regole in vigore nel Belpaese che quelle previste in ambito europeo; vittima più o meno indiretta di questo stato di cose sarebbe il pluralismo dell'informazione, questo per via del fatto che alcuni soggetti (in pratica quelli locali) godrebbero di margini di profitto molto inferiori rispetto a quelli di Google.

Sempre a parere dei responsabili dalla FIEG, Google dovrebbe avere l'obbligo versare imposte nelle casse del Fisco italiano per la quota di profitti che tale azienda riesce a realizzare nello Stivale; per Mountain View dovrebbero quindi essere previsti gli stessi oneri di ogni imprenditore che non abbia stabilito la propria sede legale in Irlanda.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.