Gli editori supportano la Direttiva sul Copyright

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email

Praticamente l'intera industria italiana dei contenuti ha deciso di esercitare maggiore pressione sui parlamentari UE per sostenere l'approvazione della cosiddetta Direttiva sul Copyright. L'iniziativa sarebbe stata esplicitata di recente tramite un comunicato congiunto che mira a velocizzarne l'iter a pochi mesi dalle prossime Elezioni Europee.

Diverse le organizzazioni coinvolte, tra di esse l'AIE (Associazione Italiana Editori), l'ANES (Associazione Nazionale Editoria di Settore), la FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) e la Writers Guild Italia che riunisce in un solo sindacato gli scrittori di cinema, tv e Web. Complessivamente le associazioni coinvolte sarebbero state 19, tutte radicate a livello nazionale.

I firmatari hanno voluto ricordare che attualmente l'industria dei contenuti genera un fatturato annuo pari a 48 miliardi di euro. Oltre 1 milione sarebbero poi i lavoratori impiegati, non tutti dei creativi ma comunque tutti coinvolti nel processo creativo, nella distribuzione al pubblico, nella promozione e nella gestione dei team di lavoro.

Stando a quanto riportato nella lettera inviata agli europarlamentari, la Direttiva sul Copyright rappresenterebbe un'occasione irrinunciabile per remunerare correttamente tutti i soggetti in gioco (artisti, autori, imprese..), responsabilizzare chi opera nel Web producendo spesso fatturati miliardari e salvaguardare la libertà espressiva su Internet.

Da segnalare la posizione tutt'altro che morbida nei confronti delle grandi compagnie che hanno osteggiato la Direttiva sul Copyright fin dal suo esordio. Sempre stando al comunicato, queste ultime avrebbero dato vita ad una vera e propria campagna di mistificazione con l'effetto di non favorire l'informazione su quanto previsto dalla misura in discussione.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti