Garante privacy: i vincitori del contest "Informative chiare"

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteDigital Services Act: verso l'approvazione del Parlamento Europeo
  • SuccessivoLog4j: attacchi anche tramite ransomware
Garante privacy: i vincitori del contest "Informative chiare"

Lo scorso marzo il Garante Privacy ha lanciato un contest aperto a sviluppatori, addetti ai lavori, esperti, avvocati, designer, studenti universitari e a chiunque fosse interessato a cimentarsi nell'individuare e proporre un set di simboli o icone con cui esemplificare gli elementi che, a norma degli articoli 13 e 14 del GDPR (General Data Protection Regulation), devono essere contenuti nell'informativa sulla privacy.

Tale iniziativa faceva seguito all'esigenza di rendere le informative più semplici, chiare e immediatamente comprensibili da parte degli utenti. Lo stesso Regolamento europeo 2016/679 in materia di dati personali prevede la possibilità che i concetti che potrebbero risultare meno intuitivi siano resi anche tramite elementi grafici e tipografici che ne propongano una rappresentazione.

Dall'inizio del contest gli uffici del Garante hanno ricevuto ben 59 proposte e il gruppo di valutazione istituito dall'Autorità e deputato alla loro selezione ha scelto quelle che rispondevano maggiormente a criteri di completezza e conformità al contenuto delle norme vigenti per la stesura di un'Informativa completa in ogni suo aspetto.

La selezione ha poi portato alla definizione di una classifica tenendo conto dei seguenti criteri: concept, includendo anche tutti gli aspetti di efficacia e sinteticità, visual, quindi grafica, leggibilità e chiarezza, originalità e inclusività con particolare attenzione alle tematiche riguardanti l'eguaglianza di genere e i contenuti non discriminatori.

I progetti vincitori sono ora disponibili sul sito del Garante da questa pagina e sono utilizzabili da chiunque lo desideri rispettando i termini previsti dalla licenza CC BY. Quest'ultima consente di condividere e modificare un contenuto anche per finalità commerciali a condizione che non vengano introdotte restrizioni aggiuntive all'uso e che ne venga menzionata la paternità.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti