Google Ads: crediti per 340 milioni di dollari

 Google Ads: crediti per 340 milioni di dollari

Mountain View ha deciso di stanziare ben 800 milioni di dollari per il sostegno alle piccole e medie imprese, alle organizzazioni non governative e all'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) in un momento in cui tutti siamo chiamati a fronteggiare un'emergenza su scala globale come quella creata dalla pandemia di Coronavirus (COVID-19).

La dotazione messa in campo dalla compagnia californiana prevede di destinare 340 milioni di dollari in crediti alle aziende che vorranno utilizzare la piattaforma Google Ads per la promozione della propria attività online. Potranno accedere al contributo tutte le organizzazioni che abbiano attivato un account sul servizio da almeno 12 mesi.

Continua dopo la pubblicità...

Il limite massimo delle donazioni per dipendente è stato spostato dai precedenti 7.500 dollari agli attuali 10 mila dollari, ciascun collaboratore avrà inoltre la possibilità di donare fino a 20 mila dollari ad organizzazioni no profit della comunità di appartenenza. Tali somme si aggiungeranno ai 50 milioni di dollari che Big G ha già destinato per le medesime finalità.

Previsti anche 200 milioni di dollari sotto forma di fondi di investimenti, questi ultimi potranno essere utilizzati per facilitare l'accesso al credito delle PMI. Le ONG e gli istituti finanziari scelti da Google a livello globale avranno il compito di gestire tale dotazione per garantire che gli incentivi vengano destinati a soggetti in stato di bisogno reale.

OMS e agenzie governative riceveranno 250 milioni di dollari in crediti pubblicitari grazie ai quali sarà più semplice fornire un'informazione capillare riguardo alla prevenzione, nello stesso modo sono stati messi a disposizione 20 milioni di dollari in crediti su Google Cloud per fornire ad Università e centri di ricerca spazio per lo storage dei dati e potenza di calcolo.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.