Google: advertising mirato con il machine learning

Google: advertising mirato con il machine learning

Mountain View ha deciso di presentare le sue future strategie per l'advertising online in occasione dell'evento Marketing Live che riunisce alcuni dei maggiori operatori del settore pubblicitario. Le novità in arrivo sono diverse ma al centro di ognuna di esse vi sarà il machine learning, destinato a rendere l'offerta sempre più mirata e personalizzata per ciascun utente.

L'Intelligenza Artificiale a supporto del network di Big G (quel Google AdWords ora destinato a diventare Google Ads) avrà quindi un ruolo fondamentale nella realizzazione delle campagne per il search advertising, così come nella creazione di annunci da integrare nei video di YouTube o nelle promozioni per lo shopping in ambito locale.

Avremo allora annunci search sempre più adattabili, agli inserzionisti e ai curatori delle campagne verrà richiesto di fornire al sistema una quindicina di titoli e una descrizione non più lunga di 4 righe. Sarà poi la piattaforma a fare il resto sfruttando diverse combinazioni che porteranno ad individuare le proposte più performanti per le conversioni.

L'AI aiuterà l'advertising di YouTube ad essere sempre più "pertinente". Oggi, anche grazie all'opera degli influencer, gli utenti sfruttano i filmati per trovare ispirazione riguardo ai propri acquisti. Sarà quindi necessario proporre gli annunci al momento giusto e ad un target di destinazione quanto più interessato possibile ai prodotti pubblicizzati.

Continua dopo la pubblicità...

Infine, le attività locali: negozi fisici che sempre più spesso gli utenti raggiungono dopo aver consultato il motore di ricerca più frequentato della Rete. Ecco perché Google ha deciso di fornire un nuovo tipo di annuncio pubblicitario (Local campaigns) pensato appositamente per portare più visite all'interno degli esercizi commerciali.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.