Google ai massimi per fatturato e profitti

Google ai massimi per fatturato e profitti

Alphabet, il conglomerato finanziario di cui fa parte Google, ha presentato la sua ultima trimestrale di cassa agli investitori sottolineando ancora una volta come la ricerca e l'advertising rappresentino la sua maggiore fonte di entrate. I risultati ottenuti testimonierebbero un incremento sia per quanto riguarda il fatturato che a favore dei profitti.

Nel corso dell'ultimo quarto l'azienda californiana avrebbe generato ricavi per quasi 62 miliardi di dollari, per l'esattezza 61.9 miliardi che rappresentano il dato migliore della storia di Big G. Stesso discorso per quanto riguarda le entrate nette che sarebbero arrivate a 18.5 miliardi stabilendo anche in questo caso un nuovo record.

La divisione che si occupa dei Google Services avrebbe prodotto da sola 57 miliardi di dollari (+22 miliardi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) e profitti per 22.3 miliardi (contro i 9.5 miliardi di un anno prima). Ad essa fanno riferimento servizi, piattaforme e applicazioni come Google Ads, Google Search, Play Store, Android, YouTube e Chrome.

Dei 57 miliardi precedentemente indicati ben 50 sarebbero stati generati dal solo mercato pubblicitario che ruota intorno alla ricerca e allo streaming audio/video. Interessanti anche le entrate derivanti dalla Google Cloud Platform che ammonterebbero ora a 4.6 miliardi di dollari (contro i 3 dello stesso quarto del 2020) pur senza generare ancora profitti.

Continua dopo la pubblicità...

Per quanto riguarda invece il comparto Other Beats, quello che presiede all'implementazione di nuovi progetti, quest'ultimo avrebbe sì incrementato il fatturato ma sarebbe stato registrato anche un aumento importante delle spese. Molto spesso infatti si tratta di iniziative molto innovative (se non addirittura ambiziose) che richiedono investimenti ingenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.