Google spiega la sua strategia contro i "pirati"

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteDue emendamenti per far pagare più tasse a Google
  • SuccessivoIndiscrezioni sul nuovo Kindle Fire HD
Google spiega la sua strategia contro i "pirati"

Mountain View ha recentemente messo a disposizione un rapporto intitolato "How Google Fights Piracy" in cui elenca, ad utenti e produttori di contenuti, le varie strategia utilizzate dal gruppo nel proprio motore di ricerca per combattere il fenomeno della pirateria digitale.

Sommariamente su questo specifico campo l'azienda capitanata da Larry Page starebbe agendo su due fronti: la promozione di comportamenti virtuosi legati al rispetto delle norme che tutelano il copyright e la limitazione dell'advertising mirato a finanziare le attività illecite.

Continua dopo la pubblicità...

Big G ad oggi è più interessata che mai ad osteggiare la cultura della condivisione illegale su Internet, si pensi soltanto alla piattaforma Google Music per lo streaming audio che il colosso californiano ha recentemente lanciato come alternativa a Spotify.

Da questo punto di vista, la chiusura dei canali pubblicitari che consentono ai "pirati" di maturare introiti starebbe restituendo importanti risultati, nel corso dell'anno passato questa strategia avrebbe portato alla chiusura di ben 50 mila siti Internet per un totale di 60 milioni di pagine Web.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.