Julian Assange verso l'estradizione negli USA

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMeta: basta podcast, pensiamo al Metaverso
  • SuccessivoGaming: Red Bull premia gli sviluppatori al Comicon 2022
Julian Assange verso l'estradizione negli USA

Julian Assange, fondatore della piattaforma di controinformazione Wikileaks, potrebbe essere presto estradato negli Stati Uniti. A deciderlo è stata una corte britannica ma la sentenza avrà effetto soltanto nel momento in cui riceverà una conferma dal Segretario di Stato per gli Affari Interni Priti Patel che quasi sicuramente esprimerà un parere favorevole alla posizione del giudice.

Ora i legali difensori dell'attivista australiano avranno tempo fino al 18 maggio 2022 per presentare un ricorso, se quest'ultimo non dovesse essere accettato, o non dovesse portare ad un annullamento della sentenza, Assange potrebbe essere processato in terra americana rischiando un cumulo di condanne per circa 175 anni di carcere.

L'accusa è infatti quella di aver diffuso su Internet delle informazioni classificate riguardanti i crimini di guerra commessi dai militari statunitensi, nel complesso si parla di circa 700 mila documenti che Wikileaks aveva diffuso nel corso del 2010 con l'obbiettivo di rendere pubblico l'operato delle forze armate e dei diplomatici USA in teatri di guerra come l'Afghanistan e l'Iraq.

Assange aveva già provato ad evitare l'estradizione rivolgendosi direttamente alla Corte Suprema del Regno Unito ma i giudici si erano sostanzialmente rifiutati di prendere in esame il ricorso, dalla sua parte vi sono invece gli esponenti di Amnesty International convinti che la sua detenzione in un penitenziario di massima sicurezza potrebbe esporlo al rischio di trattamenti inumani.

Dello stesso parere i giornalisti di Reporters Sans Frontieres che avrebbero lanciato una petizione per richiedere a Patel di non fornire il suo benestare per l'estradizione, considerando però quanto siano strette le relazioni tra Londra e Washington diventa sempre più problabile che il destino di Assange sarà un processo per spionaggio e cospirazione negli Stati Uniti.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti