Microsoft: un browser basato su Chromium?

Il progetto Edge, browser Web che nelle intenzioni della Casa di Redmond avrebbe dovuto sostituire Internet Explorer e ripeterne il successo, non sarebbe stato accolto con entusiasmo dall'utenza. Presentato come applicazione di riferimento per la navigazione Internet su Windows 10, non avrebbe retto la concorrenza con un avversario ormai dominante come Chrome.

Proprio per questo motivo gli sviluppatori di Microsoft starebbero operando per la realizzazione di un nuovo browser con cui rimpiazzare definitivamente lo sfortunato Edge. Questa volta però il core del programma dovrebbe essere basato su Chromium, il progetto completamente Open Source a partire dal quale viene implementato lo stesso software di Mountain View.

Le notizie a riguardo sono per il momento veramente poche, motivo per il quale nulla esclude che anche Satya Nadella e soci abbiano intenzione di creare un'evoluzione di Edge mantenendone comunque il nome. In ogni caso quest'ultimo non dovrebbe essere animato dall'attuale motore di rendering, EdgeHTML, plausibilmente destinato all'estinzione.

Chromium si è rivelato una soluzione ideale dal punto di vista delle prestazioni ed è proprio a queste ultime che va attribuito gran parte del successo riscosso dal Chrome. Abituati alle performance garantite dal browser di Big G, gli utenti non avrebbero trovato alcuna buona ragione per migrare verso Edge, quindi un software dotato della stessa codebase potrebbe influenzare maggiormente le loro preferenze.

Continua dopo la pubblicità...

Da Microsoft sarebbero già arrivate le prime conferme riguardo al progetto che sarebbe già in piena fase si sviluppo con il nome di "Anaheim", è comunque probabile che una novità così importante non sia destinata ad arrivare a brevissimo termine e, in ogni caso, non prima del prossimo aggiornamento comulativo di Windows 10 che verrà rilasciato nel 2019, in primavera.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.