Microsoft lancia la sua prima distribuzione Linux

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGMail: feature in anteprima con l'Early Adopter Program
  • SuccessivoF8: Facebook chiama a raccolta gli sviluppatori
Microsoft lancia la sua prima distribuzione Linux

Sono ormai lontanissimi i tempi in cui Steve Ballmer, CEO della Casa di Redmond dal 2008 al 2014, definì l'ecosistema Linux un "cancro". Oggi per il suo business Microsoft punta su progetti diversi dai soli sistemi operativi Windows, l'interoperabilità con le soluzioni Open Source e il Cloud richiedono infatti di guardare al "Pinguino" come ad uno strumento di lavoro.

Ecco quindi arrivare la prima distribuzione Linux sviluppata dal gruppo californiano, essa prende il nome di Azure Sphere e si presenta sostanzialmente come una soluzione pensata per l'IoT. Ad essa si aggiunge un servizio per la gestione in Cloud dei dati raccolti tramite oggetti connessi e un microcontroller SoC ARM come supporto fisico.

Continua dopo la pubblicità...

Andrebbe poi segnalato che anche le specifiche relative all'hardware (concepite per configurazioni molto economiche) vengono messe a disposizione sotto licenza libera e aperta, ciò dovrebbe consentire a chiunque possieda le necessarie competenze di sviluppare un proprio microcontroller da amministrare tramite Azure Sphere.

Gli sviluppatori dovranno però tenere presente che quest'ultima è stata progettata per interagire con l'Azure Sphere Security Service, una funzionalità caratterizzata da attività di controllo estremamente severe su tutto ciò che circola sul Cloud di Azure, le cui direttive dovranno essere osservate con estrema attenzione pena l'esclusione dal network.

Gli analisiti di settore attendevano da tempo il rilascio di una distribuzione Linux da parte di Microsoft, questo perché il precedente tentativo di proporre una variante di Windows 10 per gli oggetti connessi (Windows 10 IoT Core) non era stato accolto con particolare entusiasmo da parte degli utilizzatori.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.