MiSE e Poste Italiane insieme per "Piazza Wifi Italia"

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteTwitter rinuncia all'advertising elettorale
  • SuccessivoApple: la trimestrale conferma la svolta verso i servizi
MiSE e Poste Italiane insieme per "Piazza Wifi Italia"

Nelle scorse ore il MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha sottoscritto un protocollo d'intesa con Poste Italiane che consentirà di unire la rete Wi-Fi presente negli uffici postali con la rete Wi-Fi Italia gestita da Infratel Italia S.p.A., la società pubblica che opera nel settore delle telecomunicazioni per conto del dicastero presieduto da Stefano Patuanelli.

Lo scopo di questa integrazione a livello di infrastruttura è quello di permettere ai cittadini della Penisola di connettersi ad Internet in maniera completamente libera e gratuita presso qualsiasi ufficio postale munito di rete di accesso Wi-FI tramite un'applicazione dedicata. Tale App prende a sua volta il nome di "WiFi Italia" ed è disponibile sia per Android che per iOS.

Continua dopo la pubblicità...

L'iniziativa è stata sviluppata nel quadro del progetto Piazza Wi-Fi Italia per il quale sono stati stanziati 45 milioni di euro. I Comuni italiani già registrati sulla piattaforma sarebbe ad oggi 2.574 di cui 1.048 con una popolazione inferiore a 2 mila abitanti, per il momento Infratel ha attivato 261 Comuni e ulteriori 120 saranno attivi entro novembre.

Come previsto in calendario, e in un'ottica di accelerazione al progetto, sarebbero stati già aggiudicati i bandi aperti per l'approvvigionamento degli apparati e dei servizi necessari per l'installazione degli hotspot. WiFi Italia sarà in grado di individuare questi ultimi in tutto il territorio nazionale fornendo connettività ogni volta che verrà individuato il segnale.

L'accordo con Poste Italiane, che dispone di migliaia di uffici distribuiti capillarmente in tutto lo Stivale, consentirà quindi di disporre di ulteriori hotspot per la connessione alla Rete. L'intento di Piazza Wifi Italia è infatti quello di offrire una copertura quanto più completa possibile entro il prossimo anno, anche nei centri abitati più piccoli.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.