Neuralink: test sugli umani entro 6 mesi, lo dice Musk

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteApple: gli iMac 2013 e 2014 sono obsoleti
  • SuccessivoSchoolyard Bully minaccia gli account Facebook su Android
Neuralink: test sugli umani entro 6 mesi, lo dice Musk

Per una volta possiamo parlare di Elon Musk senza ricordare la controversa vicenda che lo ha portato a diventare l'unico proprietario, e CEO, di Twitter, licenziare da un momento all'altro migliaia di lavoratori, rendere il processo di verifica degli account a pagamento e, non ultimo, reintegrare gran parte degli utenti che erano stati bannati.

Questa volta infatti il miliardario sudafricano, che nonostante una perdita di circa 100 miliardi di dollari in 12 mesi è ancora l'uomo più ricco del mondo, ha attirato l'attenzione su di sé grazie ad una previsione dedicata al progetto Neuralink. Il sistema che in futuro dovrebbe permettere agli uomini di interfacciarsi direttamente con le macchine.

Le sue ultime affermazioni riguardano infatti l'inizio dei primi test sugli esseri umani che dovrebbero essere effettuati entro il primo semestre del 2023 dopo circa 6 anni dal lancio dell'iniziativa. Per ufficializzare la notizia si dovrà però attendere il nullaosta della FDA (Food and Drug Administration) che non sarebbe stato ancora accordato dall'agenzia statunitense.

Stando alle parole pronunciate da Musk durante l'evento Show and Tell, il primo device Neuralink che vedrà la luce avrà caratteristiche simili a quelle di un iPhone 1, mentre per quanto riguarda l'impianto cerebrale esso sarà paragonabile ad un Fitbit installato direttamente nel cervello e dotato di piccoli cavi attrverso i quali verranno veicolati dati e impulsi.

Tali test dovrebbero essere dedicati a migliorare la vita di coloro che per traumi o patologie particolarmente gravi hanno perso del tutto o in parte la capacità di interagire con gli altri e con il mondo esterno, parliamo nello specifico persone che spesso non possono muoversi o parlare e che potrebbero trovare dei benefici nei progressi tecnologici legati alle neuroscienze.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti