Sia e Nexi insieme per la più grande PayTech europea

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteConsultazione pubblica sulla Strategia Nazionale per l'AI
  • SuccessivoImmuni: ancora pochi i download
Sia e Nexi insieme per la più grande PayTech europea

La recente fusione di SIA all'interno di Nexi, due realtà italiane che durante lo scorso anno hanno generato ricavi per 1.8 miliardi di euro, determina la nascita di un nuovo colosso europeo nel settore dei pagamenti elettronici. Viene così ad ampliarsi notevolmente la platea di potenziali utenti che va dalla Pubblica Amministrazione ai piccoli esercizi commerciali passando per gli istituti di credito.

SIA, a sua volta una controllata di Cassa Depositi e Prestiti Equity, opera nella progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi dedicati ai segmenti Card & Merchant Solutions, Digital Payment Solutions e Capital Market & Network Solutions. Il gruppo eroga servizi in 50 paesi e opera anche attraverso controllate presenti in diversi mercati.

Continua dopo la pubblicità...

Nexi è invece un gruppo finanziario che fornisce servizi e infrastrutture per il pagamento digitale, tra le sue proposte vi sono soluzioni per accettare pagamenti all'interno e all'esterno dei punti vendita, compresi strumenti pensati appositamente per il commercio elettronico e applicazioni per il monitoraggio di spese, budget e movimenti delle carte di credito.

Una realtà imponente in Europa che favorirà la diffusione dei pagamenti elettronici in Italia

L'operazione dovrebbe dare origine ad una società in grado di vantare 15 miliardi di capitalizzazione, a CDP spetterà il controllo del 25% delle quote in qualità di anchor investor mentre un altro 23% verrà gestito dal fondo Mercury. Si tratterà quindi della più grande PayTech a livello europeo, una public company pensata per stimolare ulteriormente l'uso dei sistemi cashless nel nostro Paese.

Se tutto dovesse andare come previsto la fusione arriverà a completamento entro l'estate del prossimo anno, l'iter richiede anche un nullaosta da parte della Banca d'Italia e dell'autorità antitrust che dovranno approvare gli accordi correlati al MoU (Memorandum of Understanding) sottoscritto nelle scorse ore da NEXI, SIA, CDP Equity, FSIA e Mercury

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.