Nokia compra Alcatel-Lucent

Nokia compra Alcatel-Lucent

Il colosso finlandese Nokia avrebbe acquistato la Alcatel-Lucent, azienda nata dalla fusione tra Alcatel e Lucent Technologies; in sostanza il gruppo di Espoo dovrebbe aver speso 15.6 miliardi di euro per concludere l'affare, una cifra ceduta interamente in titoli azioniari: 0.55 azioni della Nokia per ciascun titolo della Alcatel-Lucent più un premio del 34% pari a 4.48 euro per azione.

In questo modo dovrebbe essere stato creato il più grande polo industriale europeo incentrato sulla creazione di soluzioni per la connettività Wireless; Nokia dovrebbe inoltre diventare molto più solida dal punto di vista logistico, questo perché la proprietà di Alcatel-Lucent potrebbe consentirle di accedere a mercati in cui fino ad ora possedeva quote marginali.

Continua dopo la pubblicità...

E' poi da sottolineare che questa nuova realtà avrà la possibilità di competere anche al di fuori dei confini del Vecchio Continente, gli Stati Uniti potrebbero per esempio decidere di aprire il proprio mercato a questo soggetto laddove a suo tempo aveva deciso di sbarrare il passa ad aziende come Huawei o ZTE, considerate poco affidabili per via dell'influenza del governo di Pechino.

Sostanzialmente questo agglomerato industriale dovrebbe concentrarsi in particolare sulla fornitura di infrastrutture e servizi per il Cloud Computing, l'Internet delle Cose e la banda ultralarga di ultima generazione, con particolare attenzione nei confronti delle tecnologie per la connettività in 5g, il futuro dei collegamenti di Rete.

Trattandosi di due aziende di dimensioni considerevoli, per perfezionare l'acquisizione non sarà sufficiente un accordo tra le parti; bisognerà infatti attendere l'approvazione delle autorità Antitrust per la tutela della libera concorrenza; motivo per il quale Nokia e Alcatel-Lucent potrebbero divenire un'unica compagnia non prima dell'inizio del 2016.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.