Richard Stallman lascia il MIT

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email

Richard Stallman, universalmente riconosciuto come il guru del software libero, ha rassegnato le dimissioni da tutti gli incarichi ricoperti presso il MIT (Massachusetts Institute of Technology), il CSAIL (Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory) e quella FSF (Free Software Foundation) che lui stesso aveva creato quasi 35 anni fa.

A determinare questa decisione sarebbero state le polemiche nate in seguito ad alcune dichiarazioni dello stesso informatico riguardo al caso dell'imprenditore Jeffrey Epstein. Accusato di abusi sessuali, quest'ultimo era stato ritrovato morto suicida nella sua cella il 10 agosto scorso, commentando via email l'accaduto Stallman avrebbe paventato il dubbio che alcune sue vittime fossero consenzienti.

Ma per quale motivo Stallman avrebbbe dovuto intervenire in una vicenda del genere? Stando alle cronache giornalistiche tra i fruitori della rete di prostituzione creata da Epstein vi sarebbe stato anche Marvin Minsky, noto per essere uno dei padri dell'Intelligenza Artificiale, matematico e scienziato statunitense di cui il fondatore della FSF avrebbe deciso di prendere le difese.

Da parte sua Stallman avrebbe sostenuto di essere stato vittima di errate interpetazioni e incomprensioni, egli avrebbe poi voluto sottolineare che le sue dimissioni non dovrebbero essere interpretate come un atto del tutto spontaneo ma come frutto delle pressioni esercitate per una sua fuoriuscita dai vertici della prestigiosa università statunitense.

Gli attuali responsabili della FSF non avrebbero invece commentato quanto successo, in un loro recente comunicato nel quale venivano confermate le dimissioni di Stallman (con decorrenza a partire dal 16 settembre 2019) la Fondazione si sarebbe limitata a rendere noto che la ricerca di un nuovo presidente sarebbe già cominciata.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti