Twitter: Musk vuole quintuplicare il fatturato

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteUSA: tetto massimo di 30 dollari per le connesioni ad Internet
  • SuccessivoNetflix: advertising entro il 2022?
Twitter: Musk vuole quintuplicare il fatturato

Dopo l'acquisizione di Twitter per 44 miliardi di dollari in molti si sono chiesti quale sarebbe stata la strategie di Elon Musk sul fronte monetizzazione. Quest'ultima infatti, insieme alla crescita degli utenti, è sempre stata una delle maggiori criticità del social network e l'imprenditore sudafricano si trova ora a dover restituire prestiti per decine di miliardi di dollari.

Nel corso del 2021 il fatturato annuale di Twitter era stato pari a 5 miliardi di dollari, Musk avrebbe intenzione di portarlo a non meno di 26.4 miliardi di dollari entro il 2028. In che modo raggiungere questo obbiettivo che potrebbe sembrare estremamente ambizioso? L'idea sarebbe quella di puntare in particolare sugli abbonamenti.

Servizio a pagamento, pubblicità e flusso di cassa: ecco come Elon Musk vuole aumentare le entrate

Nello specifico Musk avrebbe previsto di incamerare almeno 10 miliardi di dollari dalle sottoscrizioni a pagamento entro il 2028. Per quanto riguarda invece gli introiti derivanti dall'advertising, questi dovrebbero dimezzarsi e passare ad una quota pari al 45% sul totale del fatturato per una cifra complessiva di 12 miliardi di dollari (sempre nel 2028).

Un'altra voce importante dovrebbe essere quella relativa al flusso di cassa, in sostanza la differenza tra le entrate e le uscite prodotte attraverso l'operatività aziendale, in questo caso infatti Musk avrebbe previsto di raggiungere quota 3.2 miliardi di dollari entro il prossimo triennio e di assestarsi sui 9.4 miliardi di dollari entro il quinquennio a venire.

Sembrerebbero inoltre trovare conferma le voci secondo cui Musk diventerà CEO ad interim di Twitter una volta completato l'iter per l'acquiszione, tale carica dovrebbe essere conservata fino a quando non sarà costituito il nuovo consiglio di amministrazione ed eletto il CEO. Sempre più probabile (ma non confermata) anche la presenza nel board del fondatore Jack Dorsey.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti