USA: carcere per chi condivide immagini riprese in intimità

USA: carcere per chi condivide immagini riprese in intimità

Con la diffusione dei network per la condivisione dei contenuti e dei social media si è affermato un preoccupante fenomeno denominato "revenge porn" (letteralmente "pornovendetta") che le autorità statunitensi starebbero cercando di arginare attraverso appositi disegni di legge.

La meccanica alla base di questo problema è ben nota, molto spesso infatti le vendette all'interno di coppie in fase di rottura più o meno consumata si traducono nella pubblicazione su Internet di immagini riprese durante l'intimità; tale fenomeno colpisce in particolare le donne.

Continua dopo la pubblicità...

Dato che il "revenge porn" ha avuto e potrebbe avere conseguenze gravissime non solo per le persone colpite ma anche per le loro famiglie (reazioni come i suicidi non sono rare in questi casi), ora alcuni stati come la California e New York avrebbero stabilito di sanzionare con il carcere tale reato.

Ma se da una parte i governanti della California hanno deciso di punire con la detenzione soltanto coloro che pubblicano le immagini incriminate, a New York si potrà finire in carcere per anni anche per il solo fatto di aver contribuito a diffondere tali contenuti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.