Un wallet per le criptovalute in Opera 49

Un wallet per le criptovalute in Opera 49

Opera 49, ultima versione del noto browser Web norvegese rilasciata nel 2018, contiene una novità particolarmente rilevante per gli utenti interessati al mercato delle monete virtuali. L'applicazione, prima tra tutte le soluzioni per la navigazione su Internet, integra infatti un wallet per le criptovalute nella sua variante dedicata al sistema operativo Android.

L'implementazione di questa funzionalità è stata motivata dall'esigenza di fornire uno strumento che consentisse di gestire portafogli digitali senza la necessità di utilizzare piattaforme di terze parti o plugin aggiuntivi, tutti gli strumenti necessari saranno accessibili invece da browser. Ora soltanto sul Robottino Verde, ma presto anche nella release di Opera per Desktop.

Il wallet di Opera supporta per ora il solo Ethereum nonché tutte le cryptovalute gestibili tramite lo standard di quest'ultimo, ERC20. Escluso, forse solo temporaneamente, il Bitcoin, questo perché gli sviluppatori avrebbero preferito tenere il browser lontano dalle attività speculative che coinvolgono troppo spesso la creatura di Satoshi Nakamoto.

Da questo punto di vista Krystian Kolondra, vicepresidente esecutivo di Opera, avrebbe espresso un'opinione molto chiara: lo scopo dell'iniziativa è quello di promuovere le monete virtuali come mezzo di pagamento alternativo alle divise tradizionali. Nel contempo si vuole aprire anche il mercato del browser alle potenzialità offerte dalla tecnologie di Blockchain.

Continua dopo la pubblicità...

Non è quindi un caso che tra le altre feature incluse in Opera 49 vi sia anche il supporto alle applicazioni decentralizzate basate sul paradigma DLT (Distributed Ledger Technology), soluzioni che come nel caso del wallet per le cryptovalute potranno essere utilizzate senza dover installare alcuna estensione o applicazione separata dal browser.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.