Windows 10 abbandona Sets

Windows 10 abbandona Sets

A fine 2017 la Casa di Redmond aveva reso noto che Windows 10 sarebbe stato dotato di un nuovo strumento, denominato Sets, finalizzato a rendere più produttive la sessioni di lavoro. Diversamente da quanto annunciato più di 2 anni fa, scopriamo ora che tale feature non sarà più implementata e non verrà mai fornita agli utilizzatori.

Sets puntava ad estendere le procedure di tabbed browsing, cioè la "navigazione a schede" tipica dei Web browser moderni, anche alle applicazioni per il Desktop. Grazie ad essa un utente avrebbe potuto riunire tutte le finestre dei programmi utili a svolgere un determinato lavoro in un singolo aggregatore, ciascuna di esse sarebbe stata poi raggiungibile tramite la scheda associata.

E' bene precisare che l'introduzione di questa novità non sarebbe stata rimandata, stando alle anticipazioni attualmente disponibili essa non solo non sarà presente in Windows 10 May 2018 Update, aggiornamento cumulativo che verrà lanciato il mese prossimo, ma anche in qualsiasi altro Update che verrà rilasciato nel prossimo futuro.

La decisione di Microsoft sarebbe stata dettata dalle diverse difficoltà riscontrate in sede di sviluppo della feature. A ciò si aggiunga che anche la procedura per rendere le applicazioni compatibili con essa si sarebbe rivelata alquanto articolata, fattore che avrebbe suggerito la possibilità di una scarsa collaborazione da parte delle aziende di terze parti.

Continua dopo la pubblicità...

Fortunatamente il cambiamento di rotta del gruppo di Satya Nadella non riguardò anche Timeline, funzionalità annunciata nello stesso periodo di Sets che consente di riprendere una sessione di lavoro dal punto esatto in cui è stata lasciata e di recuperare un documento nello stato in cui si presentava in un momento specifico.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.