Zuckerberg: entro il 2015 Internet gratis in 100 paesi

Zuckerberg: entro il 2015 Internet gratis in 100 paesi

Mark Zuckerberg, fondatore e CEO del Sito in Blue, non vuole essere ricordato soltanto per aver creato il più grande social network nella storia della Rete con oltre 1.3 miliardi di utenti (ad oggi), poca roba! Egli invece desidera che il suo nome venga tramandato ai posteri come quello dell'uomo che è riuscito a mettere in connessione il Mondo intero.

Recentemente intervenuto in occasione del Mobile World Congress 2015 in corso a Barcellona, l'imprenditore statunitense non si limiterebbe ad avere grandi ambizione, ma vorrebbe anche agire molto in fretta: entro l'anno corrente Internet dovrà essere disponibile gratuitamente in almeno 100 paesi oggi "offline" (o quasi) per limiti infrastrutturali.

Continua dopo la pubblicità...

Tanto per capire quanto Zuckerberg sia ossessionato da questa idea, basti pensare che egli avrebbe dichiarato di essere disposto ad allearsi con un gruppo come Google (da sempre avversario di Facebook) pur di fare in modo che il suo progetto vada in porto nel più breve tempo possibile nonché nel migliore dei modi.

Il capo indiscusso di Menlo Park non è certo nuovo a grandi imprese, ma per il momento la piattaforma Internet.org, da lui voluta per l'estensione delle connessioni di Rete alle realtà più svantaggiate, sarebbe riuscita a coinvolgere non più di 6 nazioni: Zambia, Tanzania, Kenya, Ghana, Colombia e India; possibile arrivare a quota 100 entro il 2015?

A suo favore Zuckerberg avrebbe comunque degli alleati fondamentali, gli operatori di Rete; Internet.org infatti non si starebbe dimostrando un'iniziativa importante soltanto dal punto di vista umanitario; nei paesi dove esso è attivo i provider avrebbero registrato una crescita del 40% dei nuovi abbonati per i servizi legati al traffico dei dati.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.