Android: Google consente di eliminare gli ultimi 15 minuti di cronologia

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteInstagram: VPN contro il blocco dei social media
  • SuccessivoKaspersky: il Garante Privacy apre un'istruttoria
Android: Google consente di eliminare gli ultimi 15 minuti di cronologia

"Elimina gli ultimi 15 minuti", questo è il nome della nuova funzionalità introdotta dagli sviluppatori di Mountain View in Android per venire incontro alle esigenze di coloro che desiderano avere un maggior controllo sui propri dati personali, tale strumento è raggiungibile dall'applicazione di Google cliccando sull'immagine di profilo del proprio account.

Non si tratta di una feature pensata per la cancellazione selettiva delle informazioni contenuti in Cronologia, utilizzandola infatti verranno rimossi tutti i dati relativi alle ricerche svolte nel corso dell'ultimo quarto d'ora. In questo modo si potrà "fare pulizia" di qualsiasi attività svolta di recente che non abbia ragione di essere memorizzata.

E' importante sottolineare che questa novità riguarda unicamente l'ecosistema mobile, almeno per il momento non è invece prevista per la versione di Google destinata ai Desktop, l'aggiornamento è stato distribuito inizialmente negli Stati Uniti e in questi giorni il suo roll-out dovrebbe essere completato anche nel resto del mondo compresa l'Italia.

La funzionalità di cancellazione della cronologia esiste già da tempo per gli iPhone

Paradossalmente Big G aveva già implementato una funzionalità simile nella versione della sua applicazione dedicata agli utenti dei dispositivi iOS prodotti dalla concorrente Apple, ora questa possibilità è stata data a coloro che posseggono un device basato sul Robottino Verde e che vogliono effettuare operazioni rapide di cancellazione della cronologia recente.

Nel complesso il gruppo capitanato da Sundar Pichai ha impiegato 8 mesi per portare su Android una feature introdotta molto velocemente sugli iPhone, l'annuncio di questa novità venne dato infatti lo scorso maggio durante l'ultima edizione della conferenza Google I/O e l'aggiornamento per iOS fu rilasciato nel luglio dello stesso anno.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti