Assange: Google, Facebook e Yahoo! sono degli spioni

Secondo le recenti affermazioni di Julian Assange, il controverso e "ricercatissimo" fondatore di Wikileaks, tre delle più grandi realtà del Web, Google, Facebook e Yahoo! sarebbero delle vere e proprie "Spy Machine" che raccolgono informazioni sulla nostra vita.

Intervistato da Russia Today, Assange in pratica non ha fatto altro che ripetere quello che è già stato affermato a suo tempo dalle autorità cinesi: i grandi del Web non sarebbero altro che dei veicoli per lo spionaggio al soldo dei servizi segreti statunitensi.

Il fondatore del sito di controinformazione più noto della Rete avrebbe approfittato dell'occasione anche per rilasciare una dichiarazione rassicurante e minacciosa al tempo stesso, in pratica i documenti più importanti (e compromettenti) in suo possesso non sarebbero stati ancora pubblicati.

Assange non ha mosso accuse dirette ad alcune dei fondatori delle piattaforme chiamate in causa, non ha per esempio dato dello "spione" a Mark Zuckerberg, ma ha voluto sottolineare quello che per lui sarebbe il pericolo derivante dal raccogliere milioni di utenti attorno a singoli servizi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.