Azure Sphere: 100 mila dollari per scovare bug

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMiSE: arrivano i voucher connettività per le imprese
  • SuccessivoLibra Association nomina il suo CEO
Azure Sphere: 100 mila dollari per scovare bug

La Casa di Redmond ha deciso di mettere in palio 100 mila dollari da destinare a chi riuscirà a violare il sistema operativo Azure Sphere. Quest'ultimo è una distribuzione Linux che ha la particolarità di essere stata implementata dagli sviluppatori di Microsoft, questo a testimonianza di quanto l'azienda si sia avvicinata all'open source e al free software nel corso degli ultimi anni.

Azure Sphere è stata realizzata per l'impiego in un comparto specifico, quello dell'IOT (Internet of Things), tra le sue caratteristiche vi è quella di supportare l'esecuzione di applicazioni e task all'interno di ambienti isolati rispetto al resto del sistema. Dal punto di vista della sicurezza si ha quindi il vantaggio di garantire l'integrità dei dati anche nel caso in cui le sandbox dovessero essere interessate da processi dannosi o malevoli.

Continua dopo la pubblicità...

Il contest organizzato dal gruppo di Satya Nadella e soci non è ancora iniziato e durerà dal primo giugno al 31 agosto 2020 (iscrizioni dal 15 maggio), si hanno quindi ancora alcune settimane di tempo per cominciare a studiare il progetto alla ricerca di eventuali vulnerabilità. Raramente i Bug Bounty Program di Redmond prevedono cifre così elevate e questo dimostra quanto la compagnia abbia deciso di investire su Azure Sphere.

La distribuzione non è forse molto nota ma è già in avanzato stato di implementazione, il primo annuncio ufficiale a riguardo avvenne nel 2019 in occasione dell'evento Build che ogni anno (tranne questo per motivi immediatamente comprensibili) raccoglie migliaia di sviluppatori interessati alle nuove teconologie targate Microsoft.

Azure Sphere non è in realtà la prima piattaforma basata sul Kernel Linux realizzata dall'azienda statunitense, si tratta però della prima a divenire di pubblico dominio. Windows 10 e Windows Server 2019 supportano invece la modalità WLS (Windows Subsystem for Linux) che è invece un layer di compatibilità Linux in grado di girare all'interno del sistema.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.