E' crisi per Digg

Dopo un breve periodo di grandi successi, Digg, il più noto servizio on line dedicato al social bookmarking, attraversa ora un perido di forte crisi che in questi giorni dovrebbe costringere i vertici del gruppo a dare il via ad una campagna di tagli del personale.

Digg aveva promesso che il 2010 sarebbe stato l'anno della svolta per la sua piattaforma con un sito Web completamente rivisto e corretto, un nuovo amministratore delegato e una riduzione dello staff per esigenze legate all'ottimizzazione dei costi.

Continua dopo la pubblicità...

Alla fine non è stato possibile mantenere alcune promesse, altre iniziative invece non hanno sortito l'effetto desiderato, per cui a questo punto l'unica soluzione possibile, almeno a detta del recentemente eletto CEO Matt Williams, sarebbe quella di ricorrere ad ulteriori licenziamenti.

Nel corso di quest'anno lo staff di Digg è stato già ridotto del 10%, ora dei 67 dipendenti attualmente in forza al gruppo ne dovrebbero essere licenziati altri 25, il nuovo piano di tagli del personale prevede infatti di ridurre il numero di lavoratori del 37%.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.