Il cyber bullismo fa più paura delle malattie

Il cyber bullismo fa più paura delle malattie

"I ragazzi e il cyber bullismo" é il semplice ma efficace titolo di una rilevazione svolta da Ipsos e Save the Children, secondo i risultati ottenuti, i minori intervistati avrebbero maggior timore del bullismo telematico che delle malattie e delle droghe.

Tra le "armi" più pericole in mano ai cyber malintenzionati vi sarebbero innanzitutto i social network (per il 61% del campione), all'interno di essi sarebbe possibile rovinare la vita di un altro giovane utente tramite immagine e video (59%) così come con la creazione di gruppi (57%).

Continua dopo la pubblicità...

Tra gli altri atti temuti di bullismo in Rete vi sarebbe anche la diffusione di email e messaggi privati così come il furto di profili (48%); preoccupante il dato (61%) che vede le giovanissime spesso responsabili dell'invio di SMS, posta elettronica e altre comunicazioni a carattere minaccioso o ricattatorio.

Nello specifico, il cyber bullismo rappresenterebbe il maggiore fattore d'ansia e preoccupazione per 72% degli intervistati, il 25% di essi avrebbe dichiarato di essere stato testimone di atti di bullismo in Rete; le percentuali rilevate in Italia non sarebbero poi molto lontane da quelle ottenute nel corso di rilevazioni simili in altri paesi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.