Fatturazione a 28 giorni: respinti i ricorsi

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle: la sezione News si rinnova e premia gli editori
  • SuccessivoIl dominio Volunia.it è in vendita
Fatturazione a 28 giorni: respinti i ricorsi

Il Consiglio di Stato avrebbe respinto i ricorsi presentati dai provider Vodafone, Fastweb e Wind Tre contro la delibera dell'AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) con cui gli operatori erano stati obbligati a rimborsare i loro utenti per la cosiddetta "fatturazione a 28 giorni". A questo punto quanto deciso dell'Authority sarebbe stato confermato per sentenza.

La "fatturazione a 28 giorni" abbandonava il precedente modello calcolato su base mensile in quanto gli intervalli di tempo della durata di 4 settimane andavano a sostituire quelli di 30 giorni, introducendo di fatto una tredicesima mensilità. Ne conseguiva un maggior aggravio per le tasche dei consumatori e una minore leggibilità delle fatture emesse.

Continua dopo la pubblicità...

Stando così le cose le 3 aziende citate dovrebbero procedere a breve con l'erogazione dei rimborsi, diverso il discorso per quanto riguarda la TIM il cui ricorso sarebbe ancora in attesa di una risposta da parte del Consiglio. In ogni caso anche quest'ultimo dovrebbe essere risolto a breve termine, probabilmente non più tardi delle prossime 2 settimane.

Il periodo di fatturazione oggetto dei rimborsi dovrebbe essere quello compreso tra il giugno del 2017 e l'aprile del 2018. E' importante sottolineare che coloro che in passato hanno accettato rimborsi alternativi, come per esempio servizi addizionali o bonus, non riceveranno ulteriori remunerazioni a seguito della sentenza. Ciò indipendentemente dal provider di riferimento.

Il modello della "fatturazione a 28 giorni" era divenuto rapidamente un caso nazionale, poco tempo dopo la sua introduzione da parte degli operatori di telecomunicazione esso aveva creato infatti alcuni episodi di emulazione (per esempio tra i broadcaster di contenuti premium) che rischiavano di generare aggravi anche pesanti per le tasche degli utenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.