Il Garante blocca IO per problemi di privacy

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMicrosoft si prepara al lancio di Windows 11?
  • SuccessivoGli effetti della pandemia sul Digital Divide
Il Garante blocca IO per problemi di privacy

L'Autorità Garante Privacy ha chiesto a PagoPA, società pubblica che gestisce l'App IO, di bloccare provvisoriamente alcuni trattamenti di dati effettuati tramite quest'applicazione che prevedono l'interazione con i servizi di Google e Mixpanel attraverso un apposito tracker. A certificare le motivazioni del provvedimento vi sarebbe anche un'apposita relazione tecnica.

PagoPA è una società per azioni che attualmente gestisce i pagamenti elettronici verso la Pubblica Amministrazione italiana tramite la piattaforma omonima, l'App IO è invece una soluzione sviluppata in collaborazione con quest'ultima dal Dipartimento per la trasformazione digitale per rendere i servizi delle PA accessibili ai cittadini tramite un sistema centralizzato.

Come specificato dal Garante, le criticità per la privacy riscontrate in IO sarebbero legate a componenti non determinanti per il funzionamento dell'applicazione, ci si attende quindi che esse vengano eliminate per fare in modo che essa possa essere utilizzata anche per il rilascio del cosiddetto "Green Pass" che attesta l'avvenuta vaccinazione contro il Covid-19, la guarigione dall'infezione o l'esecuzione di un test molecolare o antigenico con risultato negativo.

Nello specifico il tracciamento avverrebbe a carico di servizi che gestiscono i dati particolarmente sensibili come ad esempio il Cashback, i pagamenti verso enti e il Bonus Vacanze. Andrebbe così a verificarsi un trasferimento verso Paesi non europei come Stati Uniti, India e Australia senza che gli utilizzatori ne siano stati informati e abbiano espresso il proprio consenso.

Continua dopo la pubblicità...

Nella relazione tecnica si sottolinea come le funzionalità di tracking rilevate sarebbero in grado di determinare una vera e propria attività di profilazione degli utenti, a ciò si aggiunga che la possibilità di incrociare l'identificativo di un device con il codice fiscale del suo utilizzatore permetterebbe di fatto un tracciamento completo delle sue abitudini d'uso dell'App.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.