Garante Privacy e Facebook contro il Revenge Porn

Garante Privacy e Facebook contro il Revenge Porn

Il Garante Privacy italiano ha annunciato una collaborazione con Facebook per fornire un aiuto a tutte le persone che temono la diffusione senza il loro consenso di foto o video intimi tramite Internet, i social network e le applicazioni per la messaggistica istantanea. Tale iniziativa nasce con lo scopo di combattere fenomeni come il Revenge Porn e la pornografia non consensuale.

L'Authority ha quindi deciso di mettere a disposizione sul proprio sito Web ufficiale un canale di emergenza attraverso cui chiunque tema che le proprie foto o i propri filmati strettamente privati possano essere diffusi senza alcun consenso su Facebook o Instagram, avrà la possibilità di segnalare questa eventualità e ottenere che tali contenuti vengano rimossi dalle piattaforme.

Non si tratterebbe comunque di una novità in senso assoluto. Il canale di segnalazione, che ha sostanzialmente una finalità di prevenzione, è stato infatti attivato lo scorso anno in Italia, sotto forma di programma pilota, da Menlo Park. Esso è stato accessibile fino ad ora nel nostro Paese soltanto attraverso l'opera di un'associazione no profit.

A partire dall'8 marzo le persone maggiorenni che temono che le proprie immagini intime vengano distribuite tramite servizi online, hanno la possibilità di rivolgersi al Garante Privacy consultando la pagina www.gpdp.it/revengeporn per segnalare in modo sicuro e confidenziale a Facebook l'esistenza di immagini e video frutto di Revenge Porn o pornografia non consensuale e farle bloccare.

Continua dopo la pubblicità...

Le potenziali vittime troveranno un modulo con cui fornire all'Autorità informazioni utili a valutare il caso segnalato e a indicare all'interessato il link per caricare direttamente le immagini sul programma, una volta caricate esse verranno cifrate da Facebook in modo da diventare irriconoscibili prima di essere eliminate. Un apposito sistema di comparazione permetterà infine di bloccare i tentativi di pubblicazione.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.