Google: Android è più sicuro!

Google: Android è più sicuro!

Mountain View ha recentemente presentato i dati contenuti nel suo "Android Security 2016 Year in Review", un rapporto nel quale l'azienda californiana evidenzia gli sforzi fatti per rendere il Robottino Verde ancora più sicuro pur sottolineando che sarà necessario molto lavoro per garantire una protezione assoluta a smartphone e tablet.

Il documento registra 1.4 miliardi di dispositivi equipaggiati con Android, piattaforma che sarebbe stata sottoposta a 750 milioni di controlli giornalieri grazie ai quali la percentuale delle potenziali minacce sul totale delle applicazioni scaricate dal Google Play Store sarebbe passata dai precedenti 0.15 punti a 0.05 punti.

Gran parte del merito di questo miglioramento andrebbe accreditata al Vulnerability Reward Program, una sorta di campagna per il bug hunting che ha visto Big G riconoscere finanziamenti in denaro per circa un milione di dollari agli esperti di sicurezza e ai ricercatori informatici impegnati nell'individuare le vulnerabilità del sistema operativo.

Nel complesso il numero di trojan in circolazione sul market place di Google sarebbe diminuito di oltre il 50% rispetto al 2015, nello stesso modo sarebbe stata registrato un notevole decremento delle backdoor (-30.5%), delle applicazioni realizzate per scatenare attività di phishing (-73.4%) e degli hostile downloader (-54.6%).

Continua dopo la pubblicità...

Fondamentale la collaborazione da parte dei produttori di device, con oltre 200 case madri che avrebbero contribuito ad aggiornare ben 735 milioni di dispositivi distribuendo i più recenti upgrade sviluppati da Mountain View. Il gruppo capitanato da Sundar Pichai si attende poi un ulteriore miglioramento nel prossimo futuro grazie alla maggiore diffusione di Android 7.0 ("Nougat").

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.