Groupon cambia modello di business

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAddio a Larry Tesler, ideatore del "Copia e incolla"
  • SuccessivoGoogle acquisisce Cornerstone per il Cloud
Groupon cambia modello di business

Nato nel novembre del 2008, Groupon si affermò rapidamente grazie ad un modello di business basato sulla vendita di coupon online. Utenti di tutto il mondo approfittarono subito della possibilità di accedere a forti sconti sull'acquisto di prodotti e servizi e l'azienda crebbe così rapidamente che nel corso del 2008 lanciò un'IPO (Initial Public Offering) per quotarsi in Borsa.

Nel giro di pochi anni la piattaforma fondata da Andrew Mason e Jason Child dovette però confrontarsi con una concorrenza sempre più agguerrita, soprattutto da parte di attività specializzate in particolare segmenti (basterebbe citare TheFork per la ristorazione e AirBnB per la ricezione), con conseguenze immaginabili per il fatturato.

Continua dopo la pubblicità...

Non è quindi un caso che il CEO Rich Williams abbia approfittato della presentazione dell'ultima trimestrale d'esercizio per annunciare agli investitori un sostanziale cambio di rotta: Groupon non si occuperà più della vendita di prodotti, motivo per il quale la sezione "Goods", "Prodotti" nella localizzazione italiana, verrà presto abbandonata.

Si punterà invece con maggior forza sulle "Local Experiences", cioè su tutte quelle offerte che permettono ad un utente di fruire di un servizio nel contesto in cui si muove. Un esempio riguardante tali proposte potrebbe essere quello della degustazione di specialità enogastronomiche, così come la partecipazione ad un corso di cucina.

Williams avrebbe sottolineato che il passaggio alla nuova fase non sarà traumatico (la sezione "Goods", seppur sempre meno performante, ha garantito circa la metà delle entrate generate nell'ultimo quarto), se tutto dovesse andare come previsto esso potrebbe esaurirsi già entro la fine del 2020 grazie ad un'apposita campagna di marketing a supporto.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.