Individua una falla su iOS e viene cacciato dalla Apple

Individua una falla su iOS e viene cacciato dalla Apple

L'esperto in sicurezza informatica Charlie Miller ha recentemente sostenuto sul suo blog di essere stato cacciato dal programma per gli sviluppatori promosso dalla casa di Cupertino dopo aver rilevato una falla a carico del sistema operativo mobile iOS.

Charlie Miller non è esattamente un "signor nessuno", il suo nome è infatti legato all'individuazione di alcune falle relative ad applicazioni targate Apple, i suoi interventi sono tra l'altro tra i più ascoltati tra quelli tenuti nel corso della Pwn2Own, manifestazione internazionale dedicata agli hacker.

La vulnerabilità di iOS scoperta da Miller permettere alle applicazioni di archiviare sorgente non firmato da server esterni, facendo in modo che esso venga aggiunto ad un'App anche dopo che sia stata già approvata per il suo ingresso nel marketplace di Cupertino.

L'espulsione sarebbe avvenuta dopo il test della falla; secondo la Apple, Miller si sarebbe reso colpevole di aver interferito con i servizi e i software di Cupertino e di aver nascosto alcune features dell'App utilizzata per i test al momento della sottoscrizione per la sua approvazione da parte dell'App Store.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.