Luca Attias nuovo commissario all'Attuazione Digitale

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteLa guerra commerciale USA/Cina non fa bene all'High Tech
  • SuccessivoFacebook: l'utenza non cresce

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha nominato il successore di Diego Piacentini per il ruolo di commissario all'Attuazione Digitale. Il mandato biennale di quest'ultimo, che aveva chiarito l'intenzione di non voler essere nuovamente designato, era infatti terminato lo scorso 16 dicembre mantenendosi attivo in attesa dell'avvicendamento.

Al suo posto vi sarà Luca Attias che fino ad ora aveva ricoperto il compito di Direttore Generale Sistemi Informativi Automatizzati della Corte dei Conti. Piacentini avrebbe commentato la notizia con soddisfazione non solo per le riconosciute competenze del nuovo entrato, ma anche per la continuità che saprà garantire con quanto fatto sino ad oggi.

Continua dopo la pubblicità...

Attias si è laureato in Ingegneria Elettronica presso l'Università La Sapienza di Roma e ha conseguito il master in Ingegneria dell'Impresa all'Università di Tor Vergata. Ha lavorato per Datamat SpA (Finmeccanica, oggi Leonardo) e dal 1999 per la Corte dei Conti divenendo uno dei responsabili della sua infrastruttura informatica.

53 anni, padre di due figli, Attias dovrà governare il Team Digitale fino al 15 settembre 2019 e lavorare in parallelo con i componenti dell'AgID (Agenzia per l'Italia Digitale) che ha come massimo vertice il Direttore Generale Teresa Alvaro. I rapporti tra Team e Agenzia potrebbero però non essere molto facili nel prossimo futuro.

Tale conclusione deriva dal fatto che l'attuale Governo si sarebbe dimostrato più volte insoddisfatto riguardo all'attività svolta dall'AgID, considerata per molti aspetti inefficace, motivo per il quale il suo ruolo potrebbe divenire via via sempre più limitato con il passare del tempo e l'ambito d'azione del Team più ampio di quanto non lo sia attualmente.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.