Misure per la semplificazione e l'innovazione, pubblicato il decreto

Misure per la semplificazione e l'innovazione, pubblicato il decreto

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge "Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale", in esso viene stabilito il Diritto a Innovare per le imprese che beneficeranno di procedure semplificate per sperimentare progetti innovativi. Si potranno quindi avviare sperimentazioni, per un periodo limitato di tempo, chiedendo un'autorizzazione in sostituzione di tutti i regimi amministrativi ordinari e gli obblighi di legge.

A rientrare in questo regime sono i progetti di innovazione tecnologica i cui risultati attesi comportano effetti positivi sull'ambiente e la vita dei cittadini. Al termine della sperimentazione, e in caso di esito positivo, il Governo promuove le modifiche normative e regolamentari per consentire a regime lo svolgimento dell'attività sperimentata.

Le misure del decreto prevedono anche l'impiego della SPID o della Carte d'identità elettronica per l'accesso a tutti i servizi pubblici online, l'App IO come unico canale per accedere da smartphone a tutti i servizi pubblici resi in digitale e una piattaforma digitale unica per le notifiche di atti e provvedimenti della Pubblica Amministrazione a cittadini e imprese.

Da segnalare anche gli interventi per favorire l'accesso delle persone disabili agli strumenti informatici, le norme estendono infatti gli obblighi di accessibilità anche a enti o società private, con un fatturato medio nell'ultimo triennio superiore ai 900 euro, che offrono servizi al pubblico attraverso siti Internet o applicazioni mobile.

Continua dopo la pubblicità...

Il decreto prevede inoltre disposizioni con cui favorire la realizzazione di un Cloud nazionale per tutelare l'autonomia tecnologica italiana, mettere al sicuro le infrastrutture digitali della PA e garantire la qualità e la sicurezza di dati e servizi digitali. Per quanto riguarda infine il 5G, ai sindaci è fatto divieto di introdurre limitazioni alla localizzazione sul proprio territorio di stazioni radio per reti di comunicazioni elettroniche.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.