Le notizie le sceglie LinkedIn

Le notizie le sceglie LinkedIn

LinkedIn, social network professionale di proprietà della Casa di Redmond, ha formato un team editoriale che si occupa di selezionare e distribuire le notizie più rilevanti per gli iscritti. Di questo gruppo fanno parte una 70ina di giornalisti tra cui anche gli italiani Michele Pierri e Marco Valsecchi. La piattaforma destinata a proporre i contenuti prende appunto in nome di "Notizie scelte".

Marco Valsecchi ha lavorato per diverse testate editoriali tra cui LaPresse, La Rivisteria, Zero, IL – Il Sole 24 Ore e Wired, mentre nel curriculum di Michele Pierri compaiono Cyber Affairs, Rivista Militare e Formiche.net. Entrambi sono giovani redattori e cureranno i contenuti destinati a ben 13 milioni di iscritti disseminati in tutta la Penisola.

Continua dopo la pubblicità...

Come specificato dai portavoce della piattaforma, nel breve periodo LinkedIn ha l'obbiettivo di offrire un ventaglio di servizi più ampio di quello attuale. Per questo motivo gli iscritti non troveranno in esso soltanto opportunità di networking e occupazione, ma anche uno spazio dedicato all'informazione di qualità e popolato grazie al contributo di esperti.

"Notizie scelte" prevede di fornire quotidianamente novità per l'aggiornamento, approfondimenti e un riepilogo delle news più interessanti per l'utenza professionale. Introdotto nelle scorse settimane per alcuni utenti, il servizio è ora disponibile per gli iscritti della Penisola grazie alla fase di general availability iniziata la prima settimana di febbraio.

Di particolare interesse la sezione intitolata "Notizie e analisi" all'interno della quale verranno riportate le news maggiormente oggetto di discussione. Grazie a quest'ultima (fruibile come il resto del servizio sia via browser Web che tramite applicazione mobile) i lettori potranno animare il confronto sulle tematiche di tendenza attraverso i propri commenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.