Presentata la Strategia Cloud Italia

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteOCSE: la PA italiana è vecchia e poco digitalizzata
  • SuccessivoMicrosoft Start: il nuovo news feed di Redmond
Presentata la Strategia Cloud Italia

Vittorio Colao, Ministro per l'Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale, ha recentemente presentato il suo piano "Strategia Cloud Italia" che contiene le linee guida attraverso cui sviluppare il Cloud della Pubblica Amministrazione italiana. Da questo punto di vista il Paese punta a mantenere il controllo dei dati nazionali e a garantire un livello ottimale di Cybersecurity.

La strategia prevede innanzitutto la creazione di un Polo Strategico Nazionale per la fornitura di servizi Cloud, ma si agirà anche per la qualificazione dei provider Cloud e per la definizione di un metodo standard con cui classificare i dati e i servizi gestiti dalla PA. Il PSN potrà essere implementato anche grazie ad aziende di altri Paesi della UE e per tale progetto sono disponibili 1.9 miliardi grazie al PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

Il PSN non dovrebbe essere un'entità centralizzata ma distribuita, questo per scongiurare le interruzioni di servizio in caso di incidenti. A tal proposito dovrebbero essere state identificate 14 aree del Paese scelte appositamente per garantire la massima capillarità possibile rispettando i requisiti di sicurezza previsti tra cui l'erogazione di servizi basati su un Cloud Pubblico Criptato.

Se tutto dovesse andare come previsto, il bando di gara per il PSN dovrebbe essere pubblicato entro l'anno corrente, il vincitore della gara dovrebbe essere noto entro il prossimo anno e la migrazione verso la nuova infrastruttura Cloud dovrebbe arrivare a termine non più tardi del 2025 dopo un avvio da parte di tutte le PA nostrane entro il 2022.

Continua dopo la pubblicità...

Per quanto riguarda i dati, la loro classificazione dovrebbe basarsi sul livello d'impatto di un'eventuale violazione. Avremo quindi dati "ordinari", che se compromessi non determinerebbero discontiuità nell'erogazione dei servizi, "critici", cioè correlati al funzionamento corretto di alcuni servizi (ad esempio la Sanità) e "strategici", fondamentali per la sicurezza nazionale.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.