Prima edizione dell'Amazon Campus Challenge in Italia

Prima edizione dell'Amazon Campus Challenge in Italia

Campus Challenge è il nome di un'iniziativa di Amazon dedicata alle università e alle piccole e medie imprese della Penisola. La prima edizione del progetto è rivolta agli studenti che frequentano l'anno accademico 2019/2020 e ha lo scopo di premiare le idee mirate ad estendere il business delle aziende grazie alle opportunità offerte dal commercio elettronico.

Se nel brave periodo l'obbiettivo della Challenge è quello di incentivare lo sviluppo di progetti dedicati all'e-commerce, la strategia di lungo periodo si basa invece sull'incrementare le occasioni di incontro tra università e mondo del lavoro. In questo modo i giovani coinvolti potrebbero avere in futuro maggiori occasioni di trovare un'occupazione in settori innovativi.

Continua dopo la pubblicità...

Il Campus Challenge è rivolto ai team e quelli già iscritti sarebbero già più di 100. La partecipazione prevede il superamento di 4 fasi articolate in iscrizione, ricerca della aziende, stesura di un piano aziendale e lancio delle vendite. Durante questo percorso gli studenti impareranno ad avviare un'attività su Amazon e a vendere i prodotti delle imprese ai clienti della piattaforma.

A conclusione del programma vi sarà una presentazione delle idee implementate che si svolgerà nel 2020. E' previsto un premio di 10 mila euro per il team primo classifcato, mentre al secondo e al terzo andranno rispettivamente 7 mila e 5 mila euro. I team in concorso dovranno essere composti da un minimo di 2 ad un massimo di 5 persone.

Per quanto riguarda gli studenti, la sola condizione per partecipare al Campus Challenge è quella di essere iscritti ad un'università italiana e disponibili da ottobre 2019 a maggio 2020. Le aziende contattate dai concorrenti devono avere base in Italia e in passato non possono aver commercializzato i propri prodotti su Amazon. Maggiori informazioni sul sito ufficiale dell'iniziativa.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.