Salesforce: 27.7 miliardi per Slack

Salesforce: 27.7 miliardi per Slack

Le indiscrezioni circolate nelle scorse settimane sarebbero state confermata e il colosso del Cloud Salesforce avrebbe acquisito la proprietà della piattaforma collaborativa Slack in cambio di un'offerta pari a 27.7 miliardi. Ci troveremmo quindi davanti ad una cifra addirittura superiore a quella sborsata a suo tempo da Microsoft per l'acquisizione di LinkedIn: 26.2 miliardi di dollari.

L'entità della somma pagata dimostrerebbe ancora una volta quanto le soluzioni dedicate al remote working stiano diventando fondamentali per il modello di business di tutte le grandi compagnie, i successi riscossi nel corso degli ultimi mesi da servizi come Zoom e Microsoft Team non farebbero altro che confermare la tendenza in atto.

Continua dopo la pubblicità...

Slack però non sarebbe stata una delle protagoniste di questo fenomeno improvviso, mentre i competitor vedevano crescere continuamente i propri market share le sue proposte avrebbero faticato maggiormente ad affermarsi. Probabilmente i vertici di Salesforce hanno intravisto comunque le potenzialità del progetto e deciso di scommettere su di esso.

La tecnologia di Slack per lo smart working servirà a creare un sistema operativo adatto alle nuove esigenze lavorative

Commentando la gigantesca operazione finanziaria, i portavoce di Salesforce avrebbero ancipato la creazione del primo sistema operativo interamente dedicato ai mutamenti che hanno coinvolto le modalità di lavoro in seguito alla recente emergenza pandemica. Esso non supporterà "anche" lo smart working ma ne terrà conto come modalità prioritaria.

Slack, al centro di una quotazione in Borsa che probabilmente ha performato meno delle attese, era da tempo sotto osservazione da parte di diverse compagnie eventualmente interessate all'acquisizione, tra queste ultime vi sarebbero state anche Google, Amazon e la Casa di Redmond le cui offerte sarebbero state rifiutate in quanto ritenute non congrue.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.