Google acquisisce Neverware e la piattaforma CloudReady

Google acquisisce Neverware e la piattaforma CloudReady

Mountain View ha acquisito la proprietà di Neverware, startup nota per aver sviluppato il sistema operativo CloudReady, quest'ultimo è indirizzato alle scuole e alle organizzazioni che desiderano convertire i propri terminali in dei dispositivi basati sulla piattaforma Chrome OS e di gestirli per attività di formazione e remote working.

CloudReady, che è stato utilizzato partendo dalla codebase di Chromium OS, si presenta come una soluzione vantaggiosa per tutti coloro che dispongono di PC e computer Mac particolarmente datati. Operando quasi interamente via Cloud esso garantisce infatti un risparmio di risorse elevato sia a favore del processore che della memoria RAM disponibile.

Continua dopo la pubblicità...

Il servizio viene offerto tramite 2 diverse tipologie di sottoscrizione: la prima è dedicata alle scuole e costa appena 20 euro l'anno per singola postazione compresa l'assistenza da parte dei tecnici di Neverware, la seconda è stata pensata invece per le aziende e viene erogata al prezzo di 49 dollari all'anno per ciascuna postazione associata a CloudReady.

In ogni caso è possibile mettere alla prova il sistema, magari per regalare nuova vita ad un terminale ormai obsoleto, grazie ad una formula appositamente dedicata all'uso personale (sottoscrizione "Home") che fornisce tutte le funzionalità previste negli altri piani ma non garantisce alcun tipo di supporto da parte della casa madre.

L'ingresso di Neverware nella grande famiglia di Big G determinerà lo spostamento della nuova controllata all'interno della divisione che si occupa di sviluppare Chrome OS, i clienti che hanno già attivato degli abbonamenti continueranno ad usufruire dei medesimi servizi e sarebbero già state annunciate nuove feature a loro dedicate in rilascio entro le prossime settimane.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.