Steve Wozniak lascia gli USA e dice no agli smartwatch

Steve Wozniak, fondatore della Casa di Cupertino insieme allo scomparso Steve Jobs, avrebbe dichiarato d ritenere praticamente inutili molti dei dispositivi elettronici "intelligenti" prodotti dalle varie case madri; tra di essi non farebbe eccezione l'Apple Watch, il primo smartwatch mai prodotto dalla Mela Morsicata.

Con tale affermazione l'informatico non avrebbe avuto intenzione di lanciare l'ennesima critica contro l'azienda che lui stesso ha contribuito a creare, questo per via del fatto che egli avrebbe già giurato e spergiurato di non essere disposto ad indossare un altro smartwatch in vita sua dopo aver provato i primi modelli in circolazione.

Ma "Woz", questo il suo soprannome, non risparmia mai battute sarcastiche all'indirizzo della Mela Morsicata, ultimamente la sua "vittima" predestinata sarebbe stato Tim Cook, CEO di Apple, che l'informatico avrebbe sostenuto di ammirare per la sua capacità di fare soldi distruggendo nel contempo tutto quello che Jobs ha costruito.

Pronto ad abbandonare gli Stati Uniti per trasferirsi in Australia, paese al quale Wozniak ha chiesto la cittadinanza, egli sarebbe attualmente in collera con il capo della Mela Morsicata a causa dell'iPhone 6 Plus, un dispositivo le cui dimensioni andrebbero contro la filosofia aziendale di Jobs che privilegiava i device di piccole dimensioni.

"Velenoso" e per nulla impressionato dalle grandi multinazionali, "Woz" avrebbe versato qualche goccia d'acido anche in riferimento a Google Glass, l'HUD (Head Up Display) di Mountain View, da lui definito un grande prodotto destinato all'insuccesso e sostanzialmente privo di senso tenendo conto del prezzo e delle funzionalità effettivamente disponibili.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.