Tim Cook in Italia per parlare di editoria

Tim Cook in Italia per parlare di editoria

Tim Cook, CEO della Casa di cupertino, è sbarcato in Italia per intervenire presso l'Osservatorio Permanente Giovani-Editori in occasione dell'ultima edizione del progetto intitolato "Il Quotidiano in Classe". Durante l'appuntamento fiorentino il manager ha voluto esporre quelle che sono le sue convinzioni riguardo a diversi temi di attualità, dallo sviluppo dell'editoria online alla tutela della privacy.

Riguardo all'editoria, Cook ha ribadito che una delle strategie più efficaci per favorire il giornalismo di qualità è quella di combattere la diffusione delle fake news. Apple News, la piattaforma della Mela Morsicata che aggrega quotidiani e periodici online, rappresenterebbe un esempio di come gli editori possano sfruttare un business remunerativo senza votarsi al sensazionalismo e al clickbait.

Da tempo alcune delle opinioni espresse da Cook vengono interpretate come critiche rivolte più o meno velatamente a Mark Zuckerberg e al colosso di Menlo Park, un sospetto rinvigorito anche dalle parole spese durante l'evento italiano nel corso del quale il massimo dirigente di Cupertino ha voluto sottolineare le sue perplessità riguardo al trattamento che diverse aziende fanno dei dati personali degli utenti.

Continua dopo la pubblicità...

A suo parere i possessori di uno smartphone non dovrebbero sentirsi costantemente monitorati in ogni aspetto della vita privata e lavorativa, da questo punto di vista Apple sarebbe una delle poche multinazionali High Tech che non sfrutta i propri dispositivi per controllare le abitudini degli utenti, raccogliere informazioni su di essi, comercializzarle o utilizzarle per finalità di marketing.

Interessante anche la sua posizione, prevedibilmente critica, nei confronti del progetto Libra, crryptovaluta che Facebook (guarda caso) vorrebbe lanciare entro il prossimo anno. Per Cook si tratterebbe del tentativo da parte di un social network di estendere il proprio potere, ma soltanto gli stati dovrebbero avere la possibilità di determinare e influenzare le politiche monetarie.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.