Tiscali: Soru torna al comando del gruppo

Tiscali: Soru torna al comando del gruppo

L'imprenditore ed ex Presidente della Regione Sardergna Renato Soru è tornato alla guida di Tiscali, uno dei primi provider Internet operanti nel nostro Paese. Il suo ritorno sarebbe la diretta conseguenza dell'acquisto del 22.059% del capitale sociale della compagnia isolana da parte della società d'investimento Amsicora.

Quest'ultima avrebbe fatto proprio il 20.79% della compagnia prima detenuto dal gruppo russo Ict Holding, la quota restante (corrisponsente all'1.269% del capitale sociale) sarebbe stata acquisita tramite un contratto con Sova Disciplined Equity Fund. Il prezzo unitario riconosciuto per singola azione sarebbe stato invece pari a 0.0085 euro.

Continua dopo la pubblicità...

L'operazione avrebbe portato alla sospensione del titolo azionario di Tscali per eccesso di rialzo, generando un guadagno teorico pari all'11.35%. Ciò avrebbe portato le azioni della società ad una quota molto più vicina agli 0.0181 euro che rappresentano il valore di scambio più elevato registrato in Borsa nel corso dell'anno corrente.

A questo punto Amsicora e Renato Soru, che a sua volta deterebbe il 7.94% del capitale sociale di Tiscali, dovrebbero sottoscrivere un patto parasociale stilato di comune accordo e finalizzato al rilancio dell'azienda. Il manager sardo è tra l'altro anche il fondatore di Tiscali e da diverso tempo si attendevano conferme riguardo alle voci di un suo nuovo ingresso al vertice.

Soru lasciò tiscali nel corso del 2004 per dedicarsi ad impegni politici, l'anno precedente il gruppo poteva vantare un fatturato pari a 10 miliardi di euro ed un utile operativo di 120 milioni di euro. A momento del suo rientro, avvenuto nel corso del 2009, l'azienda registrava invece un indebitamento pari a 640 milioni di euro che venne contrastato tramite alcune cessioni e il blocco degli investimenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.