USA: all'asilo con l'iPad

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteLinea Amica: il nuovo portale della PA voluto da Brunetta
  • SuccessivoUtili in ribasso per Google: Android costa parecchio, ma il futuro è suo!

Secondo quanto riportato dalla CNN, il distretto scolastico di una piccola cittadina del Maine ha stanziato 200mila dollari per l'acquisto di numerosi iPad 2 da destinare ai bambini di alcuni asilo nido. Il tablet di Apple, quindi, si appresta a diventare il fiore all'occhiello dell'educazione infantile made in USA.

Per il momento, in realtà, si tratta solo di un esperimento volto a verificare le reali potenzialità dei tablet quale strumento di apprendimento, ma c'è già chi è pronto a scommettere che l'avvento dei tablet nelle scuole sia tutt'altro che il frutto di una moda passeggera.

Continua dopo la pubblicità...

Ovviamente l'iniziativa non ha mancato di suscitare reazioni contrastanti tra chi ritiene che i bambini dell'asilo dovrebbero crescere in modo più "tradizionale" (mediante attività manuali ed il gioco di gruppo) e chi, invece, valuta positivamente l'iniziativa ritenendola un modo per far accostare i più giovani alle nuove tecnologie ritenute, tra l'altro, estremamente intuitive e familiari alle nuove generazioni.

Assolutamente certi della bontà dell'iniziativa, invece, i responsabili del distretto didattico del Maine che già nel 2002 si contraddistinsero per essere stati i primi a fornire gratuitamente agli studenti delle scuole dei computer portali di nuova generazione.

Certo è che l'avento delle nuove tecnologie, senza dubbio, potrebbe portare enormi benefici al mondo scolastico in generale: basti pensare che gli strumenti come i tablet e netbook potrebbero risparmiare ai bambini la fatica di portarsi appresso pesantissimi zainetti pieni di quaderni nonché evitare grossi esborsi economici alle famiglie per l'acquisto di libri, sussidiari e cartoleria varia.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.