WhatsApp: la falla c'è ma non è così pericolosa

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGenitori contro gli acquisti in-App su Google Play
  • SuccessivoApple chiede a Samsung 40 dollari per ogni dispositivo venduto
WhatsApp: la falla c'è ma non è così pericolosa

Nelle scorse ore si è diffusa la notizia di una falla presente nel sistema che gestisce la memorizzazione della cronologia per l'applicazione WhatsApp, una vulnerabilità grazie alla quale sarebbe stato possibile trafugare informazioni personali attraverso una semplice applicazione per Android.

Sentendosi attaccati, i vertici di WhatsApp avrebbero deciso di reagire attraverso un'intervista in cui i loro portavoce non avrebbero smentito l'esistenza del problema, ma più semplicemente ne avrebbero ridimensionato la portata e il livello di pericolosità.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo quanto dichiarato, la vulnerabilità scoperta non sarebbe una particolarità della nota App per la messaggistica istantanea, essa infatti coinvolgerebbe qualsiasi dispositivo mobile nel cui sistema operativo mobile venga installato un malware.

Insomma, il problema riguarderebbe WhatsApp come qualunque altra applicazione mobile presente in una piattaforma infetta, le responsabilità di eventuali perdite di dati dovrebbero quindi essere addebitate a coloro che effettuano istallazioni di software potenzialmente dannosi.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.