Windows 10: aggiornamento gratuito per le aziende

Windows 10: aggiornamento gratuito per le aziende

I responsabili della Casa di Redmond hanno deciso di mettere a disposizione il sistema operativo Windows 10 come aggiornamento gratuito di Windows 7 e Windows 8.1 per tutti gli utenti del programma CSP (Cloud Solution Provider); si tratta quindi di un'iniziativa volta ad incentivare l'utilizzo di tale piattaforma in ambito business.

Non si tratta però di un'offerta accessibile per tutti, infatti potranno approfittare di essa soltanto coloro che hanno aderito alle formule "Windows 10 Enterprise E3", "Windows 10 Enterprise E5", "Secure Productive Enterprise E3" e "Secure Productive Enterprise E5"; ciò significa che questa tipologia di clienti non dovrà pagare nulla nel caso voglia migrare ulteriori terminali verso Windows 10.

Tale proposta potrebbe rivelarsi particolarmente conveniente per quelle imprese che dispongono di una rete interna piuttosto ampia in termini di postazioni, si ricordi infatti che la licenza in abbonamento di Windows 10 per i clienti business del Cloud di Microsoft prevede tagli mensili a partire da un prezzo pari a 7 dollari.

Naturalmente vi saranno dei vantaggi anche per il gruppo capitanato da Satya Nadella che dovrebbe registrare un'adozione più diffusa di Windows 10, fino ad oggi infatti diverse aziende preferivano attendere che un terminale diventasse obsoleto e procedere con la sostituzione con un computer dotato del nuovo sistema operativo solo quando non ne potevano fare a meno.

Continua dopo la pubblicità...

La compagnia californiana ha voluto sottolineare che le licenze gratuite per gli utenti CSP dotati dei necessari requisiti saranno concesse gratuitamente per sempre, non verranno quindi mai revocate e Redmond non cambiera in alcun modo le carte in tavola richiedendo un pagamento a coloro che hanno effettuato un aggiornamento gratuito a Windows 10.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.