Canonical presenta Ubuntu 16.04 LTS "Xenial Xerus"

Canonical presenta Ubuntu 16.04 LTS "Xenial Xerus"

Oggi, 21 aprile 2016, è la data prevista per il rilascio di Ubuntu 16.04 LTS, ultima versione della nota distribuzione basata sul Kernel Linux implementata dalla Canonical; il nome in codice di questo aggiornamento è "Xenial Xerus", si tratta di una Long Term Support che continuerà a ricevere upgrade ufficiali per i prossimi 5 anni.

Questa release presenta qualche lacuna, per esempio il fatto che si sia scelto il Kernel Linux 4.4.6 e non il più recente 4.5, nello stesso modo non troviamo in dotazione GNOME 3.20 mentre per Unity è stata scelta la versione 7 in attesa di una 8 acora in fase di sviluppo. Ubuntu 16.04 presenta comunque anche delle novità interessanti.

Continua dopo la pubblicità...

Il sistema APT per la gestione dei pacchetti software non è stato abbandonato, così come rimane il supporto per i package .deb, ma questa volta essi vengono affiancati da Snappy, nuovo formato per le applicazioni inizialmente pensato per Ubuntu Core che consentirà agli sviluppatori di creare soluzioni unificate per il Desktop così come per il mobile e l'Internet delle Cose (IoT).

Gli snap package conterranno applicazioni isolate rispetto al resto del sistema, questo vuol dire che la loro installazione non potrà influire negativamente sugli altri programmi utilizzati, questo anche nel caso in cui un developer scelga di introdurre nella propria soluzione una release specifica di una libreria. Viene così rimossa qualsiasi preoccupazione relativa alle dipendenze.

Da segnalare anche la possibilità di spostare il launcher di Unity verso il basso, feature introdotta in seguito alle insistenti richieste degli utenti, così come l'opportunità di utilizzare dei driver Open Source per i componenti grafiche prodotte dalla AMD, le alternatie proprietarie non garantiscono infatti un livello di compatibilità adeguato.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.